CORTE GESIA

esperienza di Gesù vivo e di veri Amici


2 commenti

Nuova Evangelizzazione e anno della fede – Priorità: urgente!

11 ottobre 1962 – 11 ottobre 2012 = 50 anni di Concilio Vaticano Secondo (CVII).

È stato detto e si dice “… da quel giorno la chiesa non sarà più la stessa …”. Certo la Chiesa non ha smesso e non smetterà di essere sé stessa in quanto comunità cristiana, in quanto popolo che sperimenta Gesù direttamente, in forza dello Spirito Santo, e mediatamente, in forza delle relazioni fraterne. L’attuazione di tale essenza spinge continuamente al rinnovamento nel modo. In tal senso, mi sento di affermare, “… da quel giorno la chiesa non sarà più la stessa …”.

50 anni di CVII si sintetizzano allora con la felice espressione “Nuova Evangelizzazione” di Papa Wojtyla (Giovanni Paolo II), proclamata dalla fallimentare “città comunista” di Nowa Huta in Polonia (vedi anche link).

Ecco allora la priorità urgente della Nuova Evangelizzazione per fare esperienza di Gesù, come dicevo, direttamente e mediatamente.

Si apre l’anno della fede e “La fede è fondamento di ciò che si spera e prova di ciò che non si vede” (Lettera agli Ebrei 11,1) quindi ha una forte componente esperienziale soggettiva, senza togliere il valore oggettivo della stessa.

La Nuova Evangelizzazione nell’anno della fede è quanto mai urgente, è la nostra stessa vita che ce la sta chiedendo, è la nostra Italia che ce la sollecita, è la nostra Europa che la reclama, è la nostra umanità che la implora. È la vita che sembra dire “ho bisogno di salvezza”.

“Dio ti ama, Cristo è Risorto! Lo puoi sperimentare. Lo vivo io e lo puoi vivere anche tu. Accogli Gesù nella tua vita. Camminiamo insieme”. Uno slogan questo che ha conseguenze pratiche su tutti i piani della vita. “… da quel giorno la chiesa non sarà più la stessa …” ma non basta, “da quando Gesù è entrato nella mia vita, la mia vita non è più la stessa”. Una testimonianza che rilancia la speranza che necessariamente deve arrivare all’uomo, a te, a chi ti sta vicino. Al cuore, saggiandone gli affetti e consolando i sentimenti; alla mente, coinvolgendo la ragione e motivando la volontà; al corpo, dandone il nutrimento e custodendolo dalle insidie; all’anima, liberandola dall’oppressione e innalzandola alla libertà.

Deve essere un’esperienza talmente forte da contribuire alla politica, da cooperare con l’economia, da sostenere un’etica scientifica, da soccorrere la società.

50 anni di CVII, l’anno della fede, l’urgenza della Nuova Evangelizzazione perché tu abbia vita e vita piena. Il centro è Gesù e da lui scaturisce vita nuova e di conseguenza ogni sua soluzione.

Se non sai come iniziare, unisciti a noi (www.cortegesia.org).

Ettore Daniele Cassetta.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.